23 Novembre 2019 - 0:49
Home / Arte, Cultura & Costume / Serie TV / Previously on “The Crown”

Previously on “The Crown”

Quanto è pesante una corona?

Ma in particolare quanto lo è quella della Regina d’Inghilterra?
La regina Elisabetta ha confidato di tenerla ore prima degli eventi per abituarsi al peso.
Eppure nonostante lo sforzo appaia di una sola persona, un peso tale non grava solo sulla testa della più longeva regina della storia, ma anche su tutta la sua famiglia.
Possiamo dire che tutto il mondo guarda da sempre con occhi pieni di curiosità e ammirazione la famiglia reale inglese, addirittura con stupore quando appare uno scandalo o una foto poi  è shock sui tabloid. 

Ed è proprio attraverso la serie-evento intitolata “The Crown che ci é permesso di sbirciare nella vita privata (anche se certamente romanzata) della regina Elisabetta e dei suoi figli.
L’ennesimo vincente prodotto targato Netflix che con il rilascio di sole due stagioni ha già fatto incetta di premi, tra i quali spicca il Golden Globe nel 2017 come miglior serie drammatica.


Ebbene dopo due lunghi anni di attesa sono ormai solo poche le settimane che ci separano dall’uscita della nuova stagione. Dobbiamo dire addio al vecchio cast e aspettare intrepidi di scoprire quali emozioni ci regalerà il nuovo cast annunciato. 

Ricapitoliamo dunque cosa è successo finora per essere pronti al debutto della terza stagione che andrà in onda il 17 Novembre 2019 su Netflix.

E’ arrivato il momento di avvisare i lettori, dopo l’immagine che segue l’articolo contiene SPOILER (sulle prime due stagioni).


Nelle prime due stagioni #thequeen è interpretata dall’attrice britannica Claire Foy, calandosi in un ruolo del tutto nuovo da quelli che ha spesso interpretato, percorrendo qui il cammino di una sovrana, considerando che “Sovrana si nasce certo, ma si diventa anche”. Ed è così che per quasi tutta la prima stagione il #primeminister Winston Churchill la guida sapientemente e con l’ausilio seppur breve di un tutore appositamente scelto. Vengono raccontati così durante i venti episodi rilasciati gli eventi pubblici e privati che si svolgono tra il 1947, anno dell’ascesa al trono e il 1964.


Ma dove eravamo rimasti ? 


Nella seconda parte della serie il principe Filippo, interpretato da Matt Smith, è in viaggio ma i suoi pensieri sono ben lontani dalla famiglia e lo vediamo lanciarsi nel divertimento più proibito, più sfrenato per l’epoca in cui vive, concedendosi vizi di ogni tipo davanti agli occhi degli spettatori, increduli. Elisabetta II lo perdona, ma nonostante le apparenze la coppia in realtà è tutt’altro che unita e i due litigano ancora sull’istruzione di Carlo. 

E la principessa Margaret? Lei si consola per il mancato matrimonio con Peter Townsend diventando ancora più ribelle e decide così di sposare AntonyArmstrong-Jones, appassionato fotografo e passionale amante.
La storia prosegue e le vicende private si intrecciano saldamente agli eventi storico-politici che il Regno Unito vive in quegli anni, come la crisi del canale di Suez e l’incontro dei reali con i Kennedy. 
Nel frattempo il mondo è in continuo e veloce cambiamento e la sovrana abbraccia la modernità, senza mai tralasciare i valori tradizionali, con il primo discorso natalizio alla tv nel 1957.

Arriviamo dunque all’ultimo episodio in cui ella si trova a dover fronteggiare un Regno Unito scosso dalle azioni immorali del Ministro Profumo, cui il principe Filippo non sembra essere del tutto estraneo.
A questo punto però tra le ombre si intravede una nuova luce, i due sovrani discutono faccia a faccia, le bugie vengono finalmente svelate e i due possono finalmente ritrovarsi anche perché é nato un nuovo principino.


Nella terza stagione Elisabetta II verrà interpretata da Olivia Coleman mentre sua sorella Margaret dalla pluripremiata Helena Bonham Carter.

Sará facile affezionarsi ai nuovi volti ? 

Ai fan l’ardua sentenza!

Articolo a cura di Silvia Jachia

Redazione

Redazione

Leggi altro

Marina Abramovic: la madre della performance art.

Marina Abramovic nasce nel 1946 a Belgrado. Vive a pieno il clima comunista della città ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *