19 agosto 2018 - 10:36
Home / Arte, Cultura & Costume / Lettera dalla coscienza

Lettera dalla coscienza

Siete così impegnati a vivere le vostre vite che non vi accorgete di niente, siete così impegnati a non accorgervi di niente che tutto accade. Proprio davanti ai vostri occhi, e non vedete niente. Io sono dentro di te, e nemmeno te ne rendi conto. Io ho bisogno che tu mi dia retta, non solo per te ma per il mondo intero. Ho bisogno che tu non ti preoccupi di me solo quando credi di avermi sporcata, ho bisogno che con me impari a convivere, che nonostante tutto non provi a resettarmi ogni volta perché non potrai mai farlo veramente. Io sono il tuo passato, ma non sono qui per farti del male, sono semplicemente parte di te e tu mi modelli ogni giorno, con le tue azioni, con le azioni che scegli di non fare, con le parole che non mi fai dire tappandomi la bocca perché credi ce ne sia bisogno. Ma la verità è che dovresti smetterla di controllarmi, di volermi come vuoi tu, di ribellarti, dovresti smetterla perché stai sprecando tempo prezioso preoccupandoti di cancellarmi e riscrivermi ogni volta da capo, perché io sono parte di te. E sono qui per ricordare ogni momento della tua vita, per sporcarmi permettendoti di fare nuove esperienze, di scoprire il bellissimo miracolo della vita, dei fiori che ogni primavera sbocciano senza mai stancarsi, dei tramonti infiniti, della natura, dell’uomo che mi ignora, delle guerre che non si accorgono di distruggermi, della tecnologia che sta cercando di rimpiazzarmi, dell’autostima che cerca di sopraffarmi. Sono qui per farti scoprire e ricordare tutte quelle bellissime cose che il mondo ha da offrire proprio a te, che stai leggendo e se sei arrivato fin qui allora ti importa qualcosa di me. Adesso sai che sono qui per te, e se vorrai insieme faremo grandi cose, tu però accettami così come sono. Che sono parte di te, anzi sono te.
Tanti cari auguri,
La tua Coscienza.
A cura di Paola Nardella

Redazione

Redazione

Leggi altro

Swedish House Mafia: This Time Is For Life

È il 25 marzo, una data apparentemente normale, un giorno come tanti che sta per ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *