19 agosto 2018 - 10:37
Home / Politica / Politica interna / Lettera con domande al popolo liberale

Lettera con domande al popolo liberale

Cari amici liberali,

siete tanti, anzi tantissimi.

La vostra storia è nobile:  inizia con Benedetto Croce, De Nicola, Einaudi, eravate antifascisti e anticomunisti.

Amavate l’America, odiavate la Russia, eravate laici. Credevate nella propietà privata e nelle libertà civili e avevate un vostro partito: il Partito Liberale Italiano.

Nella prima repubblica non avete mai raccolto troppo consenso ma come conseguenza naturale di un sistema congenitamente proporzionale vi siete ritrovati più volte al governo.

A un certo punto, con la caduta del muro di Berlino, sembrava fosse arrivato il vostro momento: un ricco imprenditore Milanese, bassino e con la battuta facile, si propose come leader della “rivoluzione liberale”, una rivoluzione gentile pensata per impedire ai postcomunisti di governare.

Subito però venne fuori qualche contraddizione e l’uomo bassino decise di apparentarsi in coalizione con gli eredi del Movimento Sociale Italiano, a loro volta figli di una tradizione non propiamente liberale.

Oggi, a distanza di Venticinque anni, la storia si ripete e l’uomo bassino (che nel frattempo ha guidato quattro governi, ha superato gli ottant’anni ed è divenuto incandidabile a causa di una serie di ambigue vicende giudiziarie) ha deciso di riproporre una coalizione con la destra nazionalista e protezionista.

Molti di voi, nonostante tutto, voteranno ancora questa coalizione e (considerando che votando un partito si fa governare un’intera coalizione) proprio a voi voglio chiedere:

È liberale chi ha minacciato di abbandonare la moneta unica?

È liberale chi si è scagliato contro le unioni civili?

È liberale chi propone un’economia protezionista?

Certamente, voi mi direte, è liberale chi propone di abbassare le tasse ma, a mio giudizio, più che liberale

è semplicemente furbo.

 

A cura di Stefano Castellana Soldano

Redazione

Redazione

Leggi altro

Ostracizzare Erdogan? No grazie.

Il trionfo di Erdogan nelle recenti consultazioni elettorali inaugura una nuova stagione per la Turchia, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *