12 Giugno 2021 - 16:05
Home / Politica / Politica estera / Globalizzazione e Tocqueville

Globalizzazione e Tocqueville

Il saggista Pietro Golia si è domandato: ‘Può il mondo uniformarsi ad un solo modello politico, culturale, antropologico?’ Oggi, rispondere ad un quesito simile è fondamentale. La globalizzazione è un processo impetuoso che ha travolto e ha indirizzato la Storia verso un punto di svolta. Bisogna prendere una posizione.

È un idea che piace molto al mondo politico progressista e globalista: Il pluralismo culturale, il dialogo fra mondi diversi, l’apertura a nuove suggestioni, ma anche l’internazionalizzazione dei mercati, la creazione di organismi sovranazionali e l’estensione dei poteri che queste istituzioni detengono. Ed è una prospettiva che terrorizza i conservatori, soprattutto la possibilità di perdere parte della propria identità, diluita in un cocktail di valori e di usanze sconosciute e incondivisibili, e la propria sovranità nazionale e democratica.

La domanda di Golia può essere interpretata anche in questo modo (“quando il saggista si riferisce ad un uniformizzazione rispetto ad un modello politico”): esiste un modello di democrazia ‘universale’, valido per ogni nazione, ‘astorico’ e generale? ‘Per la Pace Perpetua’, un trattato di filosofia politica di Immanuel Kant, è il manifesto di questa idea. Il filosofo prussiano descrive la Repubblica Internazionale; l’unico modo per realizzare la pace è applicare più regole, uguali per ogni paese: trattati definitivi piuttosto che armistizi, abolizione degli eserciti permanenti, applicazione di una costituzione repubblicana in ogni Stato. Un altro esempio formidabile è la preziosa Dichiarazione Dei Diritti Dell’Uomo e Del Cittadino del 1789, l’articolo 1 recita: ‘Gli uomini nascono e rimangono liberi e uguali nei diritti. Le distinzioni sociali non possono essere fondate che sull’utilità comune’. Nel documento non si parla spesso di francesi, o di Francia, ma si impiegano concetti più astratti, come Uomo, Nazione, poiché vengono consacrati diritti universali e razionali. Se poi si considera la tradizione giusnaturalista, non si può non menzionare John Locke: alcuni diritti sono naturali e quindi universali, come il diritto alla proprietà , precedono lo stato di diritto e la legge deve ricalcare il modello che la natura fornisce. Ma persino Platone, nella Repubblica, definiva il proprio sistema istituzionale ideale e perfetto, applicabile in ogni città-stato e ad ogni comunità, dopo un adeguata preparazione e un severo processo educativo della classe dirigente (i filosofi) e del ceto dei guardiani. E’ opportuno però sottolineare due caratteristiche che distinguono il pensiero platonico da quello illuminista: il collettivismo organicista e la feroce invettiva antidemocratica. La libertà viene considerata un bene superfluo.

È quindi un idea che nasce molto tempo fa, ha grande valore storico e ha influenzato innumerevoli sistemi filosofici, ma in alcuni casi pecca di superficialità. Ogni forma di governo, ogni modello democratico, deve fare i conti con il passato, la tradizione di un paese. La prima guerra mondiale ci fornisce un esempio storico: i grandi imperi multietnici sono crollati e si è affermato in tutto il mondo il concetto di Stato-nazione. Heidegger la definisce ‘Gefolgschaft’, la comunità dei seguaci, il ‘Bodenstandigkeit’, il radicamento alla propria terra. Quel ‘sentire comune’ che durante i giorni più difficili, in cui l’Italia ha fronteggiato un nemico crudele e insidioso, ha ispirato il canto di un popolo ferito. Eradicare sentimenti così forti è molto complesso.

Oggi la contrapposizione della quale si è parlato prima, fra globalisti e no-global, acquisisce sfumature politiche in Europa, con il conflitto intercontinentale che coinvolge sovranisti e europeisti: partiti moderati che propongono iniziative volte a estendere i poteri delle istituzioni comunitarie, e formazioni politiche che vorrebbero realizzare una confederazione di nazioni indipendenti.

È difficile esprimere una preferenza. Forse sarà necessario un compromesso.

Oggi però la Storia sembra percorrere la strada tracciata dalla globalizzazione e il Terzo mondo, come si è visto dagli immensi fenomeni migratori, bussa alle porte dell’Europa. Tocqueville, quando cominciò a studiare la democrazia statunitense, aveva compreso che quel modello politico sarebbe giunto in Europa e si sarebbe diffuso in tutto il continente. Eppure ne descrisse molti aspetti critici. La globalizzazione è un processo inarrestabile, l’unificazione culturale e politica un evento travolgente, forse inevitabile. Dobbiamo essere pronti ad analizzare questo cambiamento, evidenziarne le criticità, prepararci ad accoglierlo al meglio. Proprio come fece Tocqueville con la democrazia.

A cura di Michelangelo Mecchia

Redazione

Redazione

Leggi altro

Pechino e Seoul non sono modelli da seguire

Cala il sipario su un anno disastroso, segnato dalla crisi pandemica. Il bollettino di guerra ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *